Articles

Nightmare at the Chosin Reservoir (Italiano)

Posted by admin

Di Matthew J. Seelinger, Chief Historian

Alla fine di novembre 1950, una conclusione della guerra di Corea sembrava essere a portata di mano. Gli Stati Uniti, la Repubblica di Corea (ROK) e varie unità delle Nazioni Unite avevano avanzato in profondità nella Corea del Nord nel tentativo di distruggere tutte le unità rimanenti dell’Esercito popolare nordcoreano (NKPA) e riunire la Corea sotto un unico governo. Alcune unità avevano persino raggiunto il fiume Yalu, che separava la Corea dalla Cina comunista.

Ma proprio come le Nazioni Unite., le forze lanciarono quella che si sperava fosse l’offensiva finale, centinaia di migliaia di soldati cinesi comunisti si riversarono in Corea, travolgendo le truppe delle Nazioni Unite e cambiando completamente la natura della guerra. Combattendo in condizioni di freddo estremo e su terreni accidentati, gli americani ei loro alleati furono costretti a ritirarsi a sud lungo la penisola coreana, subendo pesanti perdite lungo la strada.

(U. S. Army Centro di storia militare)

Per un U. S., Unità dell’esercito, l’intervento delle forze comuniste cinesi (CCF) ha provocato un disastro assoluto. La 31ª squadra di combattimento del Reggimento, meglio conosciuta come Task Force MacLean (in seguito nota come Task Force Faith), composta da elementi della 7ª Divisione di fanteria, fu praticamente annientata ad est del bacino di Chosin. Le esperienze dei soldati americani che combatterono e morirono nel freddo gelido dell’area di Chosin si rivelarono alcune delle più strazianti e tragiche nella storia dell’esercito statunitense.

Alla fine di novembre 1950, la Task Force MacLean e il resto della 7th Infantry Division facevano parte degli Stati Uniti., X Corpo dell’Esercito, sotto il comando di MG Edward M. Almond. Il X Corpo d’armata stava avanzando costantemente sul lato orientale della penisola coreana e stava avanzando verso lo Yalu.

Il 24 novembre, l’Ottava Armata, sotto il comando del tenente Walton H. Walker, che stava avanzando a nord lungo il lato occidentale della Corea, passò all’offensiva. Il GENERALE Douglas MacArthur, comandante di tutte le forze ONU in Corea, sperava che questa offensiva avrebbe finalmente messo fine alla guerra, si spera entro Natale. Tuttavia, MacArthur e molti membri del suo staff avrebbero presto fatto uno dei peggiori errori dell’intelligence militare negli Stati Uniti., Storia dell’esercito. Ignorando i rapporti di contatto con le truppe del CCF, MacArthur ordinò all’Ottava Armata e al X Corpo di avanzare verso lo Yalu.

Nella notte del 25 novembre, un giorno dopo che l’Ottava Armata iniziò la sua offensiva, il CCF colpì l’Ottava Armata con un numero massiccio di truppe. Migliaia di soldati cinesi, armati di rutti e granate, con trombe a tutto volume, sciamarono le posizioni americane. Diverse unità americane furono invase e distrutte. L’assalto CCF ha preso MacArthur e le forze delle Nazioni Unite completamente di sorpresa e quasi istantaneamente cambiato le sorti della guerra., Ben presto, Ottava Armata era in piena ritirata a capofitto verso sud.

Nonostante l’attacco del CCF, l’offensiva del X Corpo prevista per il 27 novembre procedette secondo i piani. L’offensiva richiedeva che il corpo colpisse a ovest verso Mupyong, a nord-est di Kunu nella parte posteriore del CCF, tagliasse le linee di rifornimento cinesi e possibilmente avvolgesse il CCF di fronte all’Ottava Armata. L’attacco sarebbe stato guidato dalla 1st Marine Division, sotto il comando del MG O. P., Smith, che avrebbe avanzato sul lato ovest del bacino di Chosin, con la 7th Infantry Division (guidata dalla Task Force MacLean) lungo il lato est di Chosin e la 3rd Infantry Division a guardia dei fianchi dei Marines.

Colonnello Allan D. “Mac” MacLean e del Tenente Colonnello Don C. la Fede del 31 Regimental Combat Team “Task Force MacLean”

Task Force MacLean, sotto il comando del COL Allan D., “Mac” MacLean, comandante del 31 ° Reggimento di fanteria, era stato formato a metà novembre per alleviare elementi della 1 ° Divisione marina ad est del bacino di Chosin. MacLean, un laureato 1930 di West Point, aveva servito come ufficiale di stato maggiore nel Teatro europeo durante la seconda guerra mondiale.Dopo la guerra, ha comandato il 32 ° fanteria in Giappone. Successivamente assegnato alla sezione G-3 dell’Eighth Army, MacLean servì come “occhi e orecchie” personali di Walker durante i primi giorni della guerra di Corea., All’inizio di novembre 1950, accettò con entusiasmo il comando della 31ª Fanteria, un’unità con cui aveva servito nelle Filippine all’inizio della sua carriera.

La Task Force MacLean era composta dalle seguenti unità: 2nd e 3rd Battalions, 31st Infantry (2/31 e 3/31); 31st Tank Company; 1st Battalion, 32nd Infantry (1/32), sotto il comando del LTC Don C. Faith; 57th Field Artillery Battalion, equipaggiato con obici da 105 mm; e un plotone di otto veicoli antiaerei (M19 con doppio cannone da 40 mm e M16 quad -.,50 halftracks) dalla batteria D, 15th Artiglieria antiaerea (Armi automatiche) Battaglione. In tutto, la Task Force MacLean contava circa 3.200 uomini, tra cui 700 soldati ROK.

Il 25 e 26 novembre, gli elementi principali della Task Force MacLean, la Fanteria 1/32 di Faith, sollevarono il 5th Marines, che si ridistribuì per unirsi al resto della 1st Marine Division lungo il lato ovest di Chosin. Tuttavia, a causa di ritardi con il resto della ridistribuzione della task force, il 1/32, che occupava le posizioni più avanzate del 5 ° Marines, rimase da solo senza supporto di artiglieria per un giorno intero.,

Don Faith, comandante della Fanteria 1/32, era considerato uno degli ufficiali più promettenti dell’esercito. Il figlio di un generale di brigata in pensione, era stato scelto a mano dalla Scuola Ufficiale candidato a Fort Benning da allora MG Matthew B. Ridgway per servire come suo aiutante di campo. Servì con Ridgway in tutta Europa e saltò con la 82ª divisione aviotrasportata il D-Day. In battaglia, Faith era considerato un clone virtuale di Ridgway: intenso, senza paura, aggressivo e spietato di errore o cautela.,

La maggior parte delle unità rimanenti che comprendevano la Task Force MacLean arrivarono sul lato est di Chosin il 27 novembre. MacLean è stato tra i primi ad arrivare e subito jeeped avanti per conferire con fede. Confermò con Fede che la task force avrebbe attaccato il nord il giorno seguente con qualsiasi forza fosse a disposizione e che la 1/32 avrebbe guidato l’attacco.,

MacLean posizionato forze nord a sud nel loro ordine approssimativo di arrivo: 1/32 di Fanteria; MacLean avanti posto di comando (CP); il 31 Pesante Mortaio Società; il 3/31 Fanteria; A e B Batterie del 57 ° FAB; la 57esima FAB CP e gli otto/A veicoli; e, infine, il 31 ° Fanteria della sede centrale, situata in una scuola nel villaggio di Hudong, e venti-due serbatoi del 31 Serbatoio Società. La batteria C, il 57 ° FAB e la Fanteria 2/31 erano in ritardo e non avevano ancora lasciato l’area di Pungsan.,

Alla fine della giornata MacLean ordinò al Plotone di Intelligence e Ricognizione del 31 ° di perlustrare le posizioni nemiche. Il plotone è stato teso un’imboscata sulle colline intorno a Chosin dalle truppe CCF e ogni soldato è stato ucciso o catturato.

Quella notte, MacLean mise a punto i suoi piani finali per l’attacco del giorno successivo con il 7 ° ID assistant division commander, BG Hank Hodes. Poi andò avanti per finalizzarli con Fede.

Mentre MacLean e Faith rimanevano fiduciosi, la Task Force MacLean già affrontava seri problemi., Oltre alla scomparsa del plotone I&R, le comunicazioni tra le unità sparse erano scarse nella migliore delle ipotesi. Non c’era tempo per stabilire i telefoni fissi e le comunicazioni radio erano praticamente inesistenti. Inoltre, la task force non era in contatto radio con il quartier generale del 7th ID a Pungsan o con i Marines di Hagaru-ri. Le unità sparse della Task Force MacLean erano pericolosamente isolate, non solo dal resto del 7th ID e dai Marines, ma anche l’una dall’altra.,

Inoltre, all’insaputa dei Marines e della Task Force MacLean, un numero enorme di truppe del CCF si stava preparando ad attaccare le unità disperse del X Corpo nella notte del 27. Tre divisioni CCF (59th, 79th e 89th) dovevano colpire i Marines a Yudam-ni e Hagaru-ri, insieme alla 7th Infantry, 3rd Infantry Division e più a sud. Una divisione (80°) avrebbe attaccato Task Force MacLean.

Il 27 novembre, l’offensiva del X Corpo iniziò con il 5 ° e il 7 ° Marines che attaccarono da Yudam-ni lungo il lato ovest di Chosin., Alla luce del terreno accidentato, del clima amaramente freddo, dei problemi logistici e della situazione di fronte all’Ottava Armata, l’offensiva del X Corpo, nelle parole di uno storico, “si classifica come l’operazione più sconsiderata e sfortunata della guerra di Corea.”I Marines, riluttanti a condurre l’attacco in primo luogo, avanzarono solo 1.500 iarde prima di incontrare una rigida resistenza CCF e subirono pesanti perdite.

Più tardi, dopo il tramonto, con tempo di zero gradi, le divisioni CCF hanno colpito. Due divisioni colpirono frontalmente il 5 ° e il 7 ° Marines mentre una terza tagliò la strada tra Yudam-ni e Hagaru-ri., Elementi di un’altra divisione colpirono anche la 7a Fanteria. La situazione divenne rapidamente disperata per le forze americane intorno a Chosin.

A est del bacino di Chosin, la situazione era altrettanto caotica. Durante le prime ore della sera, la 80a Divisione CCF circondò le unità ignare della Task Force MacLean. Verso le 22: 00, la divisione attaccò fuori dall’oscurità, con i soldati del CCF che soffiavano trombe e urlavano selvaggiamente. Le unità isolate, separate l’una dall’altra, hanno combattuto per le loro vite.

La Fanteria 1/32 di Faith fu colpita per prima lungo il lato nord del suo perimetro., Marine CPT Edward P. Stamford, un controllore aria in avanti assegnato alla task force, ha preso il comando di una società dopo che il suo comandante è stato ucciso e chiamato anche in attacchi aerei marini. Mentre gli aerei della Marina e le truppe del 1/32 inflissero pesanti perdite alle truppe del CCF, il battaglione subì oltre cento vittime.

Diverse miglia a sud, la situazione era simile. Il CCF colpì la Fanteria 3/31 e due batterie del 57 ° FAB, scavalcando gran parte del loro perimetro. La maggior parte degli alti ufficiali sono stati uccisi o feriti., La battaglia infuriò per tutta la notte, con il CCF finalmente ritirarsi all’alba per paura di attacchi aerei americani. Come il 1/32, il 3/31 e il 57 ° FAB hanno subito pesanti perdite e uno dei veicoli A/A è stato distrutto. Inoltre, la compagnia medica del 31 è stata spazzata via. Tornato al CP posteriore del 31 a Hudong, BG Hodes ha sentito pesanti spari a nord e ha immediatamente accertato che qualcosa non andava. Ordinò rapidamente al CPT Robert E. Drake di portare due plotoni della 31st Tank Company in avanti ai perimetri 3/31 e 1/32. La colonna di soccorso di Drake, tuttavia, si trovò presto nei guai., Alcuni carri armati scivolarono fuori controllo sulla strada ghiacciata, mentre altri divennero irrimediabilmente bloccati nel fango. La colonna fu poi attaccata dalle truppe del CCF con i bazooka americani catturati. Due carri armati furono eliminati e ne seguì una lotta selvaggia mentre i cinesi sciamavano i carri armati e tentavano di aprire i portelli. Altri due carri armati si impantanarono e dovettero essere abbandonati. Drake ordinò ai suoi restanti dodici carri armati di tornare a Hudong. Una volta che i carri armati sono tornati, Hodes rapidamente capito Task Force MacLean era in guai seri. Ha preso in prestito uno dei carri armati e ha guidato a Hagaru-ri per ottenere aiuto.,

A circa 1300 ore su 28 novembre, MG Almond volò nel perimetro 1/32 per conferire con MacLean e Faith. Apparentemente ignaro della crisi a portata di mano, Almond annunciò che la Task Force MacLean avrebbe continuato con l’attacco, sostenendo che i cinesi di fronte a loro non erano altro che i resti delle unità in ritirata. Ha poi aggiunto: “Stiamo andando fino allo Yalu. Non lasciare che un gruppo di lavandai cinesi ti fermi.”MacLean non fece alcuna obiezione all’ordine di Almond, nonostante il fatto che la task force non fosse in grado di attaccare., Sia Almond che MacLean sarebbero stati in seguito criticati per il loro fallimento del comando a est di Chosin. Almond non apprezzò mai appieno la forza del nemico, mentre MacLean non riuscì a dare a Almond un quadro chiaro della situazione in cui si trovava la sua task force.

Intorno alla mezzanotte del 29 novembre, la 80ª Divisione CCF attaccò nuovamente la Task Force MacLean. I combattimenti erano selvaggi, spesso corpo a corpo. Intorno alle 02: 00, MacLean, ancora nel perimetro 1/32, ordinò al battaglione di ritirarsi a sud nell’oscurità fino al perimetro 3/31, portando con sé tutte le armi e i feriti., La mossa doveva essere temporanea per consolidare le forze prima di attaccare, come ordinato da Almond, il giorno seguente.

Dopo aver disattivato e abbandonato diversi veicoli e caricato i feriti in camion, MacLean, Faith e il 1/32 iniziarono a spostarsi verso sud alle 05: 00. L’oscurità e la neve che cadeva hanno reso difficile la manovra, ma fortunatamente il CCF non ha attaccato. Lungo il percorso, la task force radunò la 31ª Compagnia di mortai pesanti, che si trovava a metà strada tra la 1/32 e la 3/31 e aveva supportato i due battaglioni durante gli attacchi CCF.,

All’alba, il battaglione raggiunse il perimetro 3/31, solo per trovarlo sotto pesante attacco nemico. Senza comunicazioni, tentare di entrare nel perimetro sarebbe un’operazione estremamente pericolosa. Inoltre, i cinesi avevano creato un posto di blocco a un ponte sulla strada che porta nel perimetro. Faith ha guidato un gruppo di uomini che ha guidato con successo il CCF fuori dal ponte e ha eliminato il blocco. MacLean poi si fece avanti nella sua jeep. Vide una colonna di truppe che credeva fossero i suoi 2/31 in ritardo., Le truppe all’interno del perimetro 3/31, tuttavia, iniziarono a sparare sulla colonna, con grande sgomento di MacLean. Le truppe erano in realtà cinesi. MacLean, credendo ancora che fossero americani, corse verso di loro, gridando: “Quelli sono i miei ragazzi.”Si precipitò sul serbatoio ghiacciato verso il perimetro, tentando di fermare ciò che credeva fosse il fuoco amico. Improvvisamente, le truppe del CCF nascoste vicino al ponte spararono su MacLean, colpendolo più volte. Gli uomini di MacLean guardarono con orrore come un soldato nemico lo afferrò e lo trascinò nel pennello.,

Sfortunatamente, non c’era tempo per tentare un salvataggio di MacLean. Faith ha dovuto concentrarsi sul portare i suoi uomini nel perimetro 3/31. Con gli uomini che attraversavano il torrente ghiacciato a piedi e i veicoli con i feriti che attraversavano il ponte, la maggior parte della colonna arrivò nel perimetro.

Una volta dentro, Faith osservò la carneficina. Centinaia di americani e CCF morti disseminato il terreno. Il 3/31 aveva subito oltre 300 vittime e la sua compagnia L aveva cessato di esistere. Con MacLean andato, Faith assunse il comando e fece del suo meglio per rafforzare il perimetro., Marine air controller CPT Stamford chiamato anche per Marine close air support e un airdrop per le forniture disperatamente necessari, soprattutto 40mm e .munizioni calibro 50. Faith poi inviato gruppi di ricerca per cercare MacLean, senza fortuna. MacLean è stato dichiarato scomparso, ma più tardi, un prigioniero di guerra americano ha dichiarato che MacLean è morto di ferite il suo quarto giorno di prigionia e fu sepolto da compagni di prigionieri di guerra. Fu il secondo e ultimo comandante di reggimento americano a morire in Corea.,

La mattina del 29, la 31ª Compagnia di carri armati di Drake fece un altro tentativo di raggiungere il perimetro 3/31, solo per essere ricondotta a Hudong dalle truppe del CCF scavate sulla collina 1221. Per il resto della giornata la nuova Task Force Faith rimase in posizione. Con quasi 500 feriti, la forza non era in grado di eseguire l’attacco ordinato da Almond. Tuttavia, la Fede non aveva l’autorità di ordinare un ritiro. La situazione è stata aiutata un po ‘ da Marine close air support e un airdrop di forniture, anche se il calo mancava 40mm e .munizioni calibro 50., Un elicottero della Marina ha anche volato fuori alcuni dei feriti più gravi. La situazione della Task Force Faith, tuttavia, rimase disperata, soprattutto perché non aveva ancora stabilito comunicazioni con i Marines o il 7th ID HQ.

MG Dave Barr, comandante del 7 ° ID, volato in elicottero per portare Fede più cattive notizie. Tutte le unità del X Corpo, compresa la Task Force Faith, ora sotto il comando operativo dei Marines, dovevano ritirarsi. I Marines avrebbero fornito a Faith supporto aereo, ma a parte questo, gli uomini sarebbero stati da soli., A peggiorare le cose, la task force era gravata da feriti, il che renderebbe il loro ritiro ancora più difficile. Inoltre, il CP del 31st, la 31st Tank Company e la Batteria HQ, 57th FAB, avevano evacuato Hudong per Hagaru-ri, isolando ulteriormente la Task Force Faith.

A circa 2000, il CCF ha lanciato un altro attacco. Mentre uccideva un gran numero di cinesi, la Task Force Faith ha subito altre 100 vittime. Faith concluse presto che la sua forza non poteva sopravvivere a un altro grande attacco. Convocò i suoi ufficiali rimanenti e disse loro di prepararsi a partire alle 12: 00., La task force, dopo aver distrutto la sua artiglieria, mortai e altre attrezzature, iniziò a muoversi verso sud, trasportando 600 feriti in trenta camion.

Con un veicolo a due cannoni da 40 mm in testa, la colonna iniziò a muoversi intorno alle ore 1300. E ‘ venuto subito sotto il fuoco. Stamford chiamò il supporto aereo della Marina, ma i contenitori di napalm dell’aereo di piombo colpirono la parte anteriore della colonna, inghiottendo diversi soldati e creando il panico in tutta la task force.

La situazione è rapidamente peggiorata. Il fuoco pesante dai fianchi ha ucciso molti dei feriti nei camion., L’incendio si intensificò man mano che la colonna raggiungeva la collina 1221, che dominava l’area circostante. Alla base nord della collina, il CCF aveva fatto saltare un ponte, costringendo un ritardo di due ore mentre il veicolo A/A di piombo doveva arginare i trenta camion attraverso un torrente. Un posto di blocco ha poi tenuto la task force, mentre le truppe CCF sulla collina mantenuto il loro fuoco pesante. C’era solo un modo per sfondare: prendere Hill 1221. Diverse centinaia di uomini caricarono sulla collina, tra cui molti dei feriti, alcuni dei quali dissero che preferivano morire sull’attacco piuttosto che aspettare nei camion., Nonostante le pesanti perdite, gli uomini scacciarono il CCF dalla maggior parte della collina. Molti, però, semplicemente continuato ad andare oltre la collina e giù per l ” altro lato, avventurarsi sul serbatoio ghiacciato e camminare verso Hagaru-ri.

La task force si è poi imbattuta in un altro blocco a un tornante. Faith guidò un assalto che liberò il nemico da esso. Tuttavia, fu colpito da frammenti di granate nemiche e ferito mortalmente. Una volta persa la Fede, la struttura di comando della Task Force Faith crollò. Come l’S-1 del 1/32, Robert Jones, lo descrisse, ” Quando Faith fu colpito, la task force cessò di esistere.,”Faith sarebbe stata in seguito insignita postuma della Medaglia d’Onore.

Mentre alcuni come Jones e Stamford hanno cercato di fornire la leadership, Task Force Faith rapidamente caduto a pezzi. Un altro posto di blocco, questo composto da carri armati disabili dalla 31 ° Tank Company e altri veicoli, promosso ritardato la colonna. A Twiggae, il CCF aveva fatto saltare un altro ponte, costringendo la colonna a tentare un rischioso attraversamento di un cavalletto ferroviario. Per tutto il tempo, i veicoli erano sotto il fuoco. Molti uomini hanno lasciato i camion per nascondersi o hanno cercato di fuggire oltre il serbatoio. Molti sono morti per ferite ed esposizione, o sono stati catturati.,

Appena a nord di Hudong, la task force si è imbattuta in un altro posto di blocco. Questo ha scritto la fine per la fede Task Force. Il CCF ha portato un fuoco pesante sulla colonna. Le truppe del CCF lanciarono granate e spararono fucili contro i camion, uccidendo masse di feriti. Coloro che potevano fuggire si avventurarono sul serbatoio e iniziarono l’ardua marcia verso le linee marine di Hagaru-ri.

Durante la notte tra l ‘ 1 e il 2 dicembre, i sopravvissuti si arenarono tra le linee marine. Molti sono venuti attraverso un settore detenuto dal battaglione di trasporto marittimo 1st Motor. LTC Olin L., Beall, comandante del battaglione, ha guidato una missione di salvataggio attraverso il ghiaccio in jeep, raccogliendo oltre 300 sopravvissuti, molti affetti da ferite, congelamento e shock. In tutto poco più di 1.000 sopravvissuti raggiunsero le linee marine, e di questi, solo 385 potevano essere considerati normodotati. I sopravvissuti, insieme ad altri soldati 7th ID, sono stati organizzati in un battaglione provvisorio e attaccato al 7th Marines. Conosciuto come il 31/7, il battaglione ha partecipato al breakout della 1st Marine Division da Hagaru-ri alla costa a partire dal 6 dicembre.,

Per anni dopo, la saga della Task Force MacLean/Faith era stata in gran parte ignorata. Molti credevano che il crollo e il panico che hanno travolto la task force avessero portato grande vergogna all’esercito. A un esame più attento, il ruolo della task force nella battaglia di Chosin si è rivelato molto più degno di nota. Molti storici ora concordano sul fatto che la Task Force MacLean bloccò l’unità cinese lungo il lato orientale di Chosin per cinque giorni e permise ai Marines lungo il lato occidentale di ritirarsi in Hagaru-ri. Inoltre, la task force ha distrutto la 80a divisione CCF., In riconoscimento del loro coraggio, la Task Force MacLean/Faith è stata insignita di una Presidential Unit Citation nel settembre 1999.

Per ulteriori informazioni sulla Task Force MacLean / Faith, si prega di leggere: Roy E. Appelman, East of Chosin: Entrapment and Breakout in Korea; Clay Blair, The Forgotten War: America in Korea, 1950-1953; e Anthony Garrett, “Task Force Faith at the Chosin Reservoir,” in Infantry, (settembre-dicembre 1999).

Leave A Comment