Articles

Saracen (Italiano)

Posted by admin

Il reliquiario del XII secolo di San Stanislao nella Cattedrale del Wawel a Cracovia è un esempio di arte saracena proveniente dalla Sicilia o dalla Palestina.

Il termine latino Saraceni ha un significato originale sconosciuto. Si dice che derivi dalla radice semitica triliterale šrq ” est “e šrkt” tribù, confederazione”. Un’altra possibile radice semitica è srq “rubare, rubare, saccheggiare”, più specificamente dal sostantivo sāriq (arabo: سارق), pl. sariqīn (سارقين), che significa “ladro, predatore, saccheggiatore”., Nel suo diario levantino, che copre gli anni 1699-1740, lo scrittore damasceno Hamad bin Kanan al-Salhi (in arabo: محمد بن مناان الصالحي) ha usato il termine sarkan per significare “viaggio in missione militare” dal Vicino Oriente verso parti dell’Europa meridionale che erano sotto il dominio dell’Impero ottomano, in particolare Cipro e Rodi.

L’opera di Tolomeo del 2 ° secolo, Geography, descrive sarakēnḗ (greco antico: Σαρακηνή) come una regione nella penisola del Sinai settentrionale., Tolomeo menziona anche un popolo chiamato Sarakēnoí (greco antico: ο Σ Σαρακηνοί) che vive nella penisola arabica nord-occidentale (vicino al Sinai). Eusebio nella sua storia ecclesiastica narra un racconto in cui Papa Dionigi di Alessandria menziona saraceni in una lettera mentre descrive la persecuzione dei cristiani da parte dell’imperatore romano Decio: “Molti erano, nella montagna araba, schiavi del barbaro ‘sarkenoi’.”La Storia augustea si riferisce anche ad un attacco dei Saraceni contro l’esercito di Pescennio nigerino in Egitto nel 193, ma fornisce poche informazioni per identificarli.,

Sia Ippolito di Roma che Uranio menzionano tre popoli distinti in Arabia durante la prima metà del III secolo: i Taeni, i Saraceni e gli Arabi. I Taeni, in seguito identificati con il popolo arabo chiamato Tayy, erano situati intorno a Khaybar (un’oasi a nord di Medina) e anche in un’area che si estendeva fino all’Eufrate. I Saraceni furono posti a nord di loro. Questi saraceni, situati nell’Hejaz settentrionale, erano descritti come persone con una certa abilità militare che erano avversari dell’Impero romano e che erano classificati dai Romani come barbari.,

I Saraceni sono descritti come formando gli equites (cavalleria pesante) dalla Fenicia e Thamud. In un documento, i nemici sconfitti della campagna di Diocleziano nel deserto siriano sono descritti come saraceni. Altri rapporti militari del iv secolo non fanno menzione di arabi, ma si riferiscono a gruppi saraceni che vanno in estremo oriente fino alla Mesopotamia che furono coinvolti in battaglie sia sul lato sasanide che su quello romano. I Saraceni sono stati nominati nel documento amministrativo romano Notitia Dignitatum, incontri dal tempo di Teodosio I nel 4 ° secolo, come comprendente unità distintive nell ” esercito romano., Sono stati distinti nel documento dagli arabi.

Leave A Comment